Nanomateriali nella filiera alimentare

Ricerca, innovazione e sicurezza

Il laboratorio ECSIN supporta le aziende nello sviluppoe valutazione della sicurezza di prodotti innovativi nel campo alimentare, della nutraceutica e del packaging, massimizzando l’efficacia e assicurandone la sicurezza.

L’uso delle nanotecnologie nel settore alimentare lungo tutta la filiera alimentare è in continua crescita. L’interesse nasce dalla possibilità di migliorare le proprietà nutritive, tecniche, e funzionali di ingredienti e packaging, come ad esempio la stabilità e biodisponibilità di nutrienti e nutraceutici, o per implementare la tracciabilità degli alimenti fino al consumo.

ECAMRICERT-ECSIN aiuta le aziende nello sviluppo e valutazione delle nanotecnologie, rispondendo alle normative di settore (ad es.: Reg. (UE) 2283/2015 (Novel Food), Reg. 10/2011 (materie plastiche). Il laboratorio caratterizza dal punto di vista chimicofisico i nanomateriali, ne determina efficacia e funzionalità, e ne valuta la sicurezza occupazionale e a tutela del consumatore.

ECAMRICERT-ECSIN opera prendendosi in carico l’intera gestione del progetto, dallo sviluppo al supporto normativo, o rispondendo a precise esigenze del committente, fornendo l’esperienza progettuale ed il know-how maturate nel corso degli anni.

  • Sviluppo di prodotto
  • Verifica e controllo qualità di produzione e prodotto
  • Agroalimentare
  • Integratori e prodotti dietetici
  • Materiali e oggetti a contatto con alimenti
  • Farmaceutici
  • Cosmetici
  • Caratterizzazione nanomateriali (TEM-EDX, BET, A4F, ICP-MS, e DLS)
  • Valutazione bioaccessibilità e biodisponibilità
  • Determinazione dei meccanismi di trasporto – assorbimento/diffusione/secrezione (microscopia epi-fluorescenza e confocale, permeabilità apparente, identificazione dei meccanismi di trasporto attivo mediati da P-gp)
  • Meccanismi d’azione (biologia molecolare e proteomica, PCR, RT-PCR, elettroforesi, western blot, ELISA)
  • Sicurezza di additivi in nanoforma e nuove formulazioni
  • Analisi pre-normativa e normativa
  • Sviluppo tecnologico e scelta materiali
  • Caratterizzazione chimico-fisica nanomateriali e packaging
  • Studi di migrazione in simulanti alimentari
  • Migrazione totale e specifica da oggetti a contatto con alimenti in condizioni realistiche
  • Efficacia antimicrobica
  • Identificazione chimica e quantificazione sostanze rilasciate
  • Valutazione sicurezza e supporto normativo
ARGOMENTOAPPROCCIONORME
Definizione di nanomaterialeMatrici: materia prima, matrici alimentari, simulanti alimentari, fluidi digestivi, materiali a contatto con alimentiRacc. Comm. 2011/696/UE (Definizione) Reg. (CE) 1333/2008 (Additivi) Reg. UE) 1160/2011 (Etichettatura) Reg. (UE) 2283/2015 (Nuovi alimenti) Reg. (UE) 10/2011 (Plastiche) Reg. (CE) 450/2009 (Packaging attivo ed intelligente)
EfficienzaBioaccessibilità Biodisponibilità Capacità di carico del principio attivo Profilo di rilascio del principio attivo Stabilità della formulazione on going e accelerata Funzionalità Rilascio Stabilità principio attivo Effetto antimicrobicoReg. (CE) 1924/2006 (Claim salutistici e nutrizionali) Reg. (CE) 450/2009 (packaging attivo ed intelligente) Reg. (UE) 10/2011 (plastiche) Reg. (UE) 528/2012 (prodotti biocidi)
SicurezzaIntegrità di barriera Citossicità Genotossicità Mutagenicità Carcinogenicità Risposta infiammatoria Migrazione totale e specifica Persistenza della nanoforma TossicitàLinee guida EFSA (2011) Reg. (CE) 1333/2008 (Additivi) Reg. (UE) 231/2012 (Specifiche additivi) Reg. (UE) 2283/2015 (Nuovi alimenti) Reg. (UE) 10/2011 (Plastiche) Reg. (CE) 450/2009 (Packaging attivo ed intelligente)

Referenti

Federico Benetti: f.benetti@ecamricert.com