News

corso di formazione 28/06/2017: MOCA

on .

Ecamricert e Quality Net organizzano il Seminario
 
MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI:
Aggiornamenti e Decreto Sanzionatorio

 
 
 
 

NEWSLETTER MENSILE n | 4

on .

Criteri Ambientali Minimi : obbligo di applicazione totale dei CAM
Con la pubblicazione il 5 maggio del Decreto Legislativo 19 aprile 2017 n.56 sul Supplemento ordinario n.22 alla Gazzetta Ufficiale n.103 sarà obbligatorio a partire dal 20 maggio l’applicazione totale dei Criteri Ambientali Minimi nelle gare pubbliche di appalto. I CAM pertanto non potranno più essere applicati su una percentuale di valore a base d’asta ma troveranno applicazione per affidamenti di qualunque importo.

Il decreto precisa tuttavia che limitatamente agli appalti inerenti interventi di ristrutturazione, compresi quelli che prevedono attività di demolizione e ricostruzione, i CAM sono tenuti in considerazioni in funzione della tipologia di intervento e della localizzazione delle opere da realizzare secondo criteri che verranno definiti dal Ministero dell’Ambiente.
Il monitoraggio e il grado di applicazione dei CAM verrà gestito dall’ANAC ossia l’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Nuove Linee Guida per i certificati bianchi
Il 4 aprile scorso è entrato in vigore il D.M. del MISE 11 gennaio 2017  “Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell’energia elettrica e il gas per gli anni dal 2017 al 2020 e per l’approvazione delle nuove Linee Guida per la preparazione, l’esecuzione e la valutazione dei progetti di efficienza energetica”.
Tra le principali novità l’aggiornarmento delle linee guida per la preparazione dei progetti di efficienza energetica, i nuovi obiettivi quantitativi nazionali annui di risparmio energetico e l’introduzione di nuovi soggetti.


Materiali a contatto con gli alimenti (MOCA) : in vigore il Decreto sanzioni
Dal 2 aprile 2017 è pienamente in vigore il D.Lgs. n.29 che introduce il regime sanzionatorio in materia di materiali e oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e alimenti.
Tale decreto ha soppresso la disciplina sanzionatoria prevista dal DPR 777/1982 e applica le sanzioni per tutte le violazioni del Reg.1935/2004 (in particolare gli art. 3,4,15,17).
Oltre alla violazione dei requisiti generali sono pertanto ora sanzionate anche la scorretta etichettatura, la mancata o carente rintracciabilità, il mantenimento di un Sistema Qualità e il rispetto delle Buone Pratiche di Fabbricazione(GMP).
Molto importante è infine l’obbligo entro l’agosto 2017 di comunicare all’autorità competente la tipologia di attività svolta al fine di creare un anagrafe per il controllo ufficiale delle aziende che producono MOCA. La mancata osservanza di tale comunicazione prevede una sanzione da 10.000 a 30.000 euro.

Il 31 maggio 2017 rappresenta il termine ultimo entro cui presentare aISPRA la dichiarazione dei gas ad effetto serra presenti nelle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore nonché sistemi fissi di protezione antincendio.
Si evidenzia come l’entrata in vigore del nuovo regolamento UE n.517/2014 non abbia modificato struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-Gas. Il valore soglia al di sopra del quale presentare la dichiarazione rimane pertanto fissato in 3 kg di gas fluorurato ad effetto serra. 
 

FARE IMPRESA NEL SOCIALE!

on .

 

NEWSLETTER n. 3 | 2017

on .

CAM ed EPD : l’evoluzione delle dichiarazioni ambientali

Il trend della normativa nel settore delle costruzioni che pone l’attenzione sulla riduzione degli impatti ambientali si sta manifestando in modo sempre più evidente.  A fianco degli strumenti progettuali i principali Protocolli di certificazione stanno infatti chiedendo a monte della filiera informazioni sugli ingredienti chimici dei prodotti che andranno a comporre gli edifici o le componenti di arredo. Ciò con l’obiettivo di stimolare da un lato una maggiore trasparenza e dall'altro ridurre l'uso di sostanze pericolose.

I protocolli di sostenibilità come ad esempio il sistema LEED® richiedono pertanto il rispetto dei Criteri Ambientali Minimi che devono essere valutati nei materiali in termini di sostanze chimiche pericolose (REACH) e prove fisiche.

Con Decreto 11 gennaio 2017 il Ministero dell’Ambiente ha inoltre recentemente adottato i nuovi criteri ambientali minimi (cam) nell’ambito della “fornitura e il noleggio di arredi per interni”, “affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici” e “fornitura di prodotti tessili” nell’ambito della pubblica amministrazione.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;



Modello Unico Dichiarazione rifiuti (MUD) : la scadenza è il 30 aprile

Il 30 aprile rappresenta la data ultima entro cui le Azienda produttrici di rifiuti nonché i Gestori degli stessi devono presentare il Modello Unico di Dichiarazione. La compilazione va fatta utilizzando il software messo a disposizione da Ecocerved  e inviando il file generato dal sistema in modalità telematica previa apposizione della firma digitale del dichiarante. Rimane possibile presentare il MUD cartaceo da parte dei produttori di rifiuti che hanno un massimo di sette codici CER e di tre destinatari e trasportatori per ogni singolo codice movimentato.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



REACH : aggiornata la Candidare List

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche “ECHA” ha recentemente aggiornato l’elenco delle sostanze ritenute estremamente preoccupanti (SVHC) includendo nella lista 4 nuove voci che sono :

- 4,4'-isopropilidenedifenolo (bisphenol A)
- acido nonadecafluorodecanoico (PFDA)
- 4-eptilfenolo, lineare e ramificato (4-HPbl)
- p-(1,1-dimetil-propil)fenolo

Gli importatori o produttori di articoli dovranno pertanto verificare ove necessario il contenuto anche di tali nuove sostanze nei materiali e qualora presenti in concentrazioni > 0,1% scatterà l’obbligo di comunicazione all’utilizzatore in conformità dell’art. 33 del Regolamento REACH ed eventuale notifica ai sensi dell’art. 7.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



FOOD CONTACT : aggiornato il Reg. 10/2011/CE e la disciplina sanzionatoria

Il 25 agosto 2016 è stato pubblicato il Reg.(UE) 1416/2016che modifica e rettifica il Reg.(UE) 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti in plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari. In particolare il nuovo Regolamento specifica alcune disposizioni entrate in vigore il 14 settembre 2014 (ad eccezione dell’allegato II) come il significato di “riempimento a caldo", l’espressione dei limiti di migrazione specifica, l’aggiunta di simulanti per la valutazione di materiali che sono destinati al contatto con gli ortaggi e la frutta.

Viene inoltre modificato l’allegato II del Reg.(UE)10/2011 inerente la migrazione specifica dei metalli con l’aggiunta del parametro Alluminio ( LMS 1 mg/kg) e la modifica dei limiti  dello Zinco da 25 mg/kg a 5 mg/kg (In vigore dal 14 settembre 2018).

Sempre in materia di materiali a contatto con gli alimenti il 10 febbraio 2017  è stato approvato il  Decreto Sanzioni ( D.Lgs.n.29, entrato in vigore il 2 aprile 2017) con l’obiettivo di adeguare l’attuale apparato sanzionatorio vigente per i MOCA, all’assetto normativo del Reg.(UE)1935/2004, del Reg.(UE)2023/2006, e dei regolamenti specifici del settore plastica a contatto con gli alimenti.

Oltre che alla violazione dei requisiti generali, sono ora sanzionate anche la scorretta etichettatura, la mancata o carente rintracciabilità, il mantenimento di un Sistema Qualità, il rispetto  delle Buone Pratiche di Fabbricazione(GMP).

Il mancato rispetto di questi Regolamenti prevede sanzioni variabili da 1500 a 80.000 euro.

Infine il mancato obbligo di comunicazione entro 120 gg (entro agosto 2017) all’autorità competente della tipologia di attività svolta al fine di creare un anagrafe per il controllo ufficiale delle aziende che producono MOCA ( quindi oggetti, imballaggi, macchine, utensili destinati al contatto con gli alimenti) comporta la sanzione da 10.000 a 30.000 euro.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



FORMALDEIDE: nuovi limiti professionali

Con il passaggio della formaldeide da presunto cancerogeno e cangerogeno (gennaio 2016) l'American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH) ha introdotto un valore limite di esposizione a lungo termine (TLV-TWA) per l’aria in ambiente di lavoro. Tale valore pari a 0,12 mg/mc si aggiunge pertanto al valore a breve termine già vigente che è fissato in 0,37 mg/mc.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

NANoREG 14 febbraio 2017

on .

WORKSHOP

IL FOOD CONTACT E LE MACCHINE PER IL CONTATTO ALIMENTARE

on .

Approfondire e analizzare la gestione della conformità al contatto con
alimenti di macchine e attrezzature per l’industria.

IL FOOD CONTACT E LE MACCHINE PER IL CONTATTO ALIMENTARE (2)

on .

Approfondire e analizzare la gestione della conformità al contatto con
alimenti di macchine e attrezzature per l’industria.

MUD 2016

on .

Entro il 30 aprile 2016 le aziende obbligate dovranno procedere con la compilazione e la presentazione della denuncia annuale rifiuti (MUD) con riferimento ai movimenti eseguiti nel corso del 2015. Le modalità di presentazione sono le medesime dell’anno scorso così come gli importi da versare come diritti di segreteria.

22° CONVEGNO DI IGIENE INDUSTRIALE

on .

Saremo presenti, assieme a Normachem, alle giornate di Corvara in occasione del congresso AIDII, associazione italiana degli igienisti industriali.

Questo sito utilizza i COOKIE per una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione accetti il loro utilizzo.