News

NEWSLETTER MENSILE n. 5 | 2017

on .

Energia : bando di efficientamento energetico per le PMI del Veneto
La Regione Veneto ha pubblicato un Bando che prevede l'erogazione di contributi a fondo perduto per la Diagnosi Energetica, l'efficientamento energetico e l'installazione di impianti a fonti rinnovabili per le PMI.
Destinatari dell'agevolazione sono le micro, piccole e medie imprese che effettuano interventi "finalizzati al contenimento della spesa energetica, alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti e alla valorizzazione delle fonti rinnovabili secondo le opportunità di risparmio energetico individuate e quantificate dalla diagnosi energetica". Diagnosi Energetica e relazione tecnica di asseverazione post intervento devono essere eseguite da società E.S.CO. certificate come da decreto legislativo 102/2014.
L'agevolazione è pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile, da un minimo di 30.000 € fino ad un massimo di 150.000 €.
I termini per la presentazione decorrono dal 15 giugno e terminano il 31 luglio. Il bando è a graduatoria.

Per saperne di più: http://www.smartfuture.eu/contributi-pmi-regione-veneto/


Corso di formazione sui Materiali a contatto con gli alimenti (MOCA)
A due mesi dall’entrata in vigore il D.Lgs. n.29 che introduce il regime sanzionatorio in  materia di materiali e oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e in previsione dell’obbligo entro l’agosto 2017 di comunicare all’autorità competente la tipologia di attività svolta al fine di creare un anagrafe per il controllo ufficiale delle aziende che producono MOCA Ecamricert ha organizzato per il giorno 28 giugno un seminario di approfondimento nel corso del quale verranno affrontate le novità normative e fornire indicazioni tecniche e operative per le aziende interessate.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sottoprodotto : circolare esplicativa del Ministero
Con Prot. 0007619.30-05-2017 il Ministero dell’Ambiente ha emanato una Circolare esplicativa per l’applicazione del DM 13 ottobre 2016, n.264 in materia di sottoprodotto.
La Circolare in questione non innova in alcun modo la disciplina che regolamenta la gestione del sottoprodotto ma si prefigge l’obiettivo di fornire alcuni chiarimenti interpretativi e specifica che il DM 264 è nato come strumento a disposizione di tutti i soggetti interessati per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti richiesti per la qualifica di un residuo di produzione come sottoprodotto anziché come rifiuto.
La Circolare si compone di un Allegato Tecnico – Giurico nel quale si specifica lo scopo del decreto, gli oneri della prova e responsabilità nonché la documentazione contrattuale e tecnica necessaria allo scopo.
Infine a partire dal 12 giugno 2017 le imprese che producono e riutilizzano sottoprodotti potranno iscriversi nell’elenco istituito presso le Camere di Commercio e richiamato all’articolo 10 del regolamento 13 ottobre 2016 n.264.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Sicurezza alimentare: micotossina citrinina
Il Regolamento CE 1881 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari, è stato integrato con il Regolamento UE n.212/2014 per quanto riguarda i tenori massimi ammessi del contaminante Citrinina negli integratori alimentari a base di riso rosso fermentato con lievito rosso Monascus purpureus.
La Citrinina è una tossina prodotta da miceti e fa parte delle micotossine. Essa si può trovare nei cereali come grano, orzo, riso, avena, granoturco, segale. In particolare nel riso rosso fermentato e nei prodotti in cui questo è un ingrediente.
La stessa specie di miceti che può produrre la citrinina può produrre anche altri tipi di micotossine che quindi possono trovarsi contemporaneamente nello stesso prodotto.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;
 
Valutazione dell’attività antibatterica dei materiali:
I materiali con attività antibatterica sono sempre più diffusi e possono essere utilizzati per rivestire le superfici di oggetti oppure essere incorporati negli oggetti stessi.  
L’attività antibatterica di un materiale può essere testata con test microbiologici secondo ISO 22196:2011 Measurement of antibacterial activity on plastics and other non-porous surfaces.
I test possono essere effettuati su molteplici tipi di materiali incluse plastiche, ceramiche, pelli, gomme, acciaio e materiali non porosi.

Per approfondimenti e assistenza tecnica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;
 
 

Questo sito utilizza i COOKIE per una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione accetti il loro utilizzo.