LOW CARBON

Un recente studio pubblicato su Nature Climate Change conferma come informazioni chiare sulle performance ambientali di un prodotto, aiutino i produttori a valorizzare nel mercato la vendita di articoli “low carbon”.

Lo studio evidenzia che se nell’offerta verranno fornite informazioni trasparenti e riconoscibili attraverso l’apposizione di un'opportuna etichetta ambientale, la domanda si indirizzerà verso gli articoli con un’impronta di carbonio inferiore.

 

Ricordiamo che Ecamricert Srl è in grado di seguire le aziende nell’analisi e nella comunicazione delle performance ambientali attraverso il calcolo di parametri quali Carbon Footprint, Water Footprint, Ecological Footprint e affini.


AMPLIAMENTO LABORATORIO GEOTECNICA

Ecamricert completa nel 2018 il percorso di ampliamento del proprio laboratorio di Geotecnica, con l’acquisizione di un’ampia gamma di strumentazioni per le prove su Terre e Rocce come laboratorio Autorizzato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ai sensi della Circ. Min. 7618 del 08/09/2010 art. 59 del DPR n.380/2001.

 

Il laboratorio può vantare ora:

  • 18 Edometri
  • 9 Macchine per prove di taglio
  • 3 Triassiali (UU, CIU, CID, ELL)
  • Macchina per Taglio su giunto di roccia
  • Attrezzature per Prove Monoassiali e Triassiali su rocce con misura della deformazione assiale e radiale
  • 2 Strumenti per Prove di carico su piastra
  • Macchine per Compressioni Uniassiali su terre

 

ECAMRICERT si distingue nel servizio di prove del settore geotecnica, offrendo un supporto completo per i controlli nei cantieri edili e stradali. Offre i propri servizi a imprese private, enti pubblici e liberi professionisti che necessitano nel loro lavoro di un’adeguata assistenza tecnica.


REGOLAMENTO 2018/1881

REGOLAMENTO 2018/1881

MODIFICA DEL REACH

 

Con la pubblicazione in data 4 dicembre 2018 del Regolamento (UE) 2018/1881 sono state apportate delle modifiche all’Allegato XVII del Regolamento REACH che elenca le restrizioni in materia di fabbricazione, immissione sul mercato e uso di talune sostanze pericolose.

Il Regolamento (UE) 2018/1881 si pone l’obiettivo di escludere all’interno di  capi di abbigliamento, di accessori, di articoli tessili e di calzature, le sostanze cancerogene, mutagene e tossiche per la riproduzione (CMR) per ridurre al minimo l’esposizione dei consumatori.

 

Le nuove sostanze soggette a restrizione sono 33 e presentano proprietà diverse l’una dall’altra oltre che essere utilizzate in processi differenti.

Si tratta di sostanze riconducibili ai metalli pesanti quali cadmio, cromo e arsenico, alla famiglia degli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), degli ftalati, alla formaldeide e ad altri composti chimici pericolosi.

 

Le nuove limitazioni entreranno in vigore a partire dal 1 novembre 2020, ma già ora è opportuno verificare la presenza di sostanze CMR negli articoli prodotti e commercializzati al fine di individuare e risolvere possibili criticità legate al REACH.


NUOVA NORMATIVA DELLA REATTIVITÀ AGLI ALCALI

NUOVA NORMATIVA DELLA REATTIVITÀ AGLI ALCALI

Il 9 Marzo del 2017 è stata pubblicata la nuova versione della normativa per la verifica della reattività degli aggregati in presenza di alcali del cemento, in cui si sono modificati i criteri per la definizione della potenziale reattività degli aggregati contenenti alcune forme di silice, stabilendone i limiti di accettazione al fine di prevenire fenomeni di espansione dannosi per il calcestruzzo.

 

Questa normativa, la UNI 8520-22:2017, rappresenta un cambiamento importante, nella frequenza e metodica di prova, ma sino a Settembre 2018 era affiancata dalla vecchia norma, ora ritirata definitivamente.

 

Ecamricert è un laboratorio leader per la verifica del calcestruzzo e dei leganti a base cementizia, offre tutti i servizi necessari ai produttori di miscele a legante cementizio. E’ laboratorio con esperienza che dispone di strumentazione avanzata e con tempi di risposta immediati.

 

Contatta i nostri laboratori per avere maggiori informazioni.


GAS RADON

GAS RADON: I NUOVI DATI EMERSI DAL CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI

 

 

Venerdì 26 Ottobre a Roma si è svolto il Convegno Nazionale “Radon rischio geologico, dalla terra un pericolo invisibile per la salute: quanti lo conoscono?” organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi.

I dati emersi mostrano come il gas radon, un gas nobile e radioattivo naturale, incolore e inodore, sia la causa del 10% dei tumori ai polmoni, riportando 3.200 casi ogni anno.

Si tratterebbe della seconda causa di tumore ai polmoni dopo il fumo da sigaretta.

Vincenzo Giovine, Vice Presidente e Coordinatore della Commissione Ambiente del Consiglio Nazionale dei Geologi, afferma che per poter intervenire, al fine di mitigare gli effetti dannosi del gas radon, è necessario conoscere la distribuzione areale e delle concentrazioni, dunque l’unica arma di cui si è a disposizione è la prevenzione.

 

 

ECAMRICERT assiste il cliente in tutte le fasi inerenti al controllo delle emissioni in atmosfera, alla salubrità  degli ambienti di lavoro, fornendo supporto normativo ed accompagnandolo nella stesura delle pratiche ambientali fino alla verifica analitica e alla consulenza tecnica e impiantistica post analisi.

 

Contatta i nostri laboratori per avere maggiori informazioni.

 

Consiglio Nazionale dei Geologi


EMISSIONI IN ATMOSFERA: ASPETTI TECNICI E CRITICITA’ DEL SETTORE

La normativa vigente in materia ambientale costituita dal Testo Unico prevede per gli impianti che producono emissioni l’obbligo di dotarsi di preventiva autorizzazione rilasciata dagli Enti competenti.

La richiesta deve essere presentata nella maggior parte dei casi allo Sportello SUAP competente che a sua volta provvede ad inoltrare copia della domanda agli Enti coinvolti a partire da Provincia ed ARPA.

Al fine di poter rilasciare l’autorizzazione gli Enti di cui sopra necessitano di informazioni legate ai processi svolti e alle sostanze impiegate.

 

Negli anni tuttavia di estrema importanza per il buon esito della pratica sono divenute le informazioni tecniche legate agli impianti di abbattimento e alle caratteristiche dei camini di emissione.

Ecco pertanto che l’Impiantista assume oggi un ruolo fondamentale nel fornire un supporto per la predisposizione di una domanda di autorizzazione in quanto fornitore di dati e informazioni tecniche senza le quali la pratica può essere sospesa o in casi estremi respinta da chi di competenza.

 

Il posizionamento dei tronchetti di prelievo, l’altezza dei punti di emissione, il calcolo della portata progettuale costituiscono pertanto informazioni fondamentali per il buon esito dell’istruttoria.

 

Al fine di approfondire gli aspetti tecnici del settore e analizzare le principali criticità ad esso associate ECAMRICERT ha programmato per il giorno martedì 27 novembre un corso tecnico di formazione rivolto ai Tecnici di Aziende in possesso di autorizzazione alle emissioni o in procinto di ottenimento.

 

Clicca qui per maggiori informazioni sul corso


"VENETIAN GREEN BUILDING CLUSTER"

RICONOSCIMENTO DELLA RETE INNOVATIVA REGIONALE "VENETIAN GREEN BUILDING CLUSTER"

 

Con approvazione della delibera della Giunta Regionale del 10 Settembre 2018 n. 1304, la Regione Veneto ha riconosciuto la Rete Innovativa Regionale “Venetian Green Building Cluster”.

 

EcamRicert è parte attiva in questo percorso di innovazione.

Come riferice l’Assessore Roberto Marcato, “la rete innovativa regionale “Venetian Green Building Cluster” si propone di aggregare gli operatori veneti appartenenti alla filiera dell’edilizia e delle costruzioni allo scopo di accelerare la trasformazione green dell’intero settore, sostenendo processi virtuosi di rigenerazione urbana ed edilizia sostenibile, di contenimento del consumo di suolo, di configurazione di nuovi modelli di business connessi allo sviluppo delle città intelligenti, alla trasformazione del mercato immobiliare, e all’industria 4.0, con il fine ultimo di influenzare la qualità della vita e dell’abitare delle generazioni attuali e future nelle aree urbane.”

 

Lo scopo di tale percorso sarà quindi la diffusione e l’applicazione di buone pratiche sostenibili a tutela dell’utente e del territorio.

La rete comprende 90 soggetti suddivisi in 62 piccole imprese, 9 medie imprese, 5 grandi imprese, 6 associazioni di categoria, 5 dipartimenti universitari rappresentativi dei 4 Atenei Veneti (Università di Padova, Verona, Venezia Ca’ Foscari e IUAV) coordinati da Fondazione Univeneto, 1 ulteriore fondazione e 1 istituto di ricerca.

 

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto


NUOVI CASI DI SALMONELLA

ALLERTA SALMONELLA

 

Nel mese di Settembre si sono ripetute le allerte per Salmonella in alimenti di vario tipo.

Salmonella spp.è da sempre il patogeno più frequente nelle allerte Europee come emerge dal Rapporto Annuale del 2017 della RASFF( Rapid Alert System on Food and Feed) e nelle recenti allerte dei mesi di  settembre e nei primi giorni di ottobre.

I richiami in particolare in Italia hanno riguardato in particolare  uova, salsicce, brioches e barrette proteiche, e questo significa che non si deve mai abbassare la guardia quando si tratta di pericoli microbiologici.

 

Le Salmonelle appartengono alla grande famiglia delle Enterobatteriacee e se ne conoscono più di 2000 varianti ( detti sierotipi) che possono dare patologie di diversa gravità ma comunque in ogni caso si parla di patologie di tipo gastroenterico., di varia gravità a seconda del sierotipo di Salmonella.

L’infezione avviene per via oro-fecale , attraverso l’ingestione di cibi o bevande contaminate o contatto con oggetti o piccoli animali portatori dell’infezione.

Gli alimenti maggiormente coinvolti sono uova, carne, latte crudo, ma anche in polvere, salse, creme frutta  e verdura.

 

E’ importante ricordare che all'apparenza il cibo contaminato non presenta alcuna alterazione delle caratteristiche organolettiche (colore, odore, sapore, consistenza), e che la contaminazione degli alimenti può avvenire al momento della loro produzione, durante la preparazione, oppure dopo la cottura a causa di una manipolazione non corretta degli alimenti.

E’ molto importante per le aziende alimentari ma anche il ambiente domestico il rispetto  delle norme igieniche , infatti  va ricordato che i batteri della salmonella sono facilmente eliminabili attraverso una buona cottura, ma l’effetto sterilizzante del calore di cottura delle carni si annulla se, per esempio, il coltello usato per tagliare la carne cruda viene impiegato poco dopo per tagliare la carne cotta, senza un adeguato lavaggio tra un’operazione e l’altra, o manipolare le uova senza poi lavarsi bene le mani.

Nel mondo, si stima che il 50% delle epidemie di salmonellosi è dovuto a uova contaminate, mentre la carne bovina e suina (consumata cruda o poco cotta) e i derivati del latte possono provocare, rispettivamente, il 15% e il 5% dei casi( Fonti ISS).

 

Il laboratorio ECAMRICERT, che si occupa da sempre di sicurezza alimentare, offre il servizio di analisi di Salmonella con metodi accreditati e anche con metodi rapidi in PCR, per le situazioni di emergenza o per liberare lotti di alimenti deperibili.

Contatta i nostri laboratori per maggiori informazioni.


PROROGA PER LA COMUNICAZIONE MOCA

LEGGE 21 SETTEMBRE 2018 N.108

PROROGA  DEI TERMINI PER LA COMUNICAZIONE “MOCA” PER LE AZIENDE ARTIGIANE

 

Con la legge n.108 del 21 settembre 2018 , sono stati prorogati i termini di comunicazione alle autorità competenti per le aziende artigiane produttrici di Materiali a contatto con gli Alimenti(MOCA).

La riapertura dei termini per la comunicazione è stata stabilita in 120 giorni a partire dall’entrata in vigore della Legge, cioè a partire dal 22 settembre 2018, quindi fino al 20 gennaio 2019.


POSIZIONE APERTA

POSIZIONE APERTA

 

Ricerchiamo per la nostra azienda un perito meccanico e geometra neo-diplomato da inserire nel proprio team di lavoro nella sede di Monte di Malo.

L’inserimento sarà tramite stage della durata di 6 mesi.

Il candidato sarà parte attiva del team del Dipartimento Prove su Materiali.

Sede di lavoro: Monte di Malo

Orario di lavoro: Full time dal lunedì al venerdì.

 

Se interessati inviare la propria candidatura a:  a.pesavento@ecamricert.com